venerdì 30 marzo 2012

CUCINA REGIONALE VENETA: FRITTATA CON I BRUSCANDOLI


Finalmente un'altra settimana si è conclusa ed è giunto il momento di ritrovarci per un altro appuntamento di "Cibo e Regioni". Per questa settimana il tema proposto sono le uova. Ingrediente che ci permette veramente di usare la fantasia e spaziare da antipasti a secondi a dolci. Anche questa settimana siamo in buona compagnia e siamo molto, molto curiose di scoprire cosa hanno preparato le nostre compagnie di avventura. Allora non ci resta che passare alle ricette; eccole:

Uno dei piatti simboli dell'arrivo della primavera è per noi la frittata di bruscandoli. Con questo nome, nella nostra zona, sono identificati i germogli di luppolo che spesso vengono confusi con gli asparagi selvatici. Si tratta invece degli apici vegetativi del Luppolo selvatico, che spuntano spontaneamente nelle nostre campagne tra marzo e maggio. Il loro sapore è deciso, leggermente amarognolo e si sposa perfettamente con le uova.













Frittata con i bruscandoli

6 uova
500 gr di bruscandoli (germogli di luppolo)
mezza cipolla bianca novella
3 cucchiai di latte
mezzo cucchiaino di lievito (per dolci)
3 cucchiai di parmigiano grattuggiato
15 gr di burro
2 cucchiai di olio
sale q.b.

Pulite i bruscandoli e lessateli in acqua bollente salata per 4-5 minuti, quindi sgocciolateli e lasciateli raffreddare. Sbucciate la cipolla e tagliatela finemente. Fate scaldare in una padella, meglio se antiaderente, il burro con l'olio e la cipolla, fate soffriggere a fiamma dolce. Quando sarà ben appassita aggiungete i bruscandoli e lasciate insaporire per una decina di minuti. Nel frattempo sgusciate le uova in una ciotola, salatele e sbattetele bene con una forchetta. Continuando a mescolare aggiungete anche il latte, il lievito e infine il parmigiano. Quando i bruscandoli saranno pronti e ancora ben caldi versatevi il composto di uova. Lasciate rassodare la frittata da una parte, poi con l'aiuto di un coperchio o di un piatto giratela facendola poi scivolare nuovamente nella padella in modo che possa cuocere anche dall'altro lato. Sarà pronta quando sarà ben dorata da entrambi i lati.
Consigli: se non trovate i germogli di luppolo, potete preparare questa ricetta utilizzando i classici asparagi selvatici.






                          

15 commenti:

  1. Semplicemente buono....anche questo piatto!!!brave davvero care ragazze!!!!Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. che spettacolo questa frittata!!complimenti!!^_^

    RispondiElimina
  3. BRAVISSIMEEEEEEEEEEEE ragazze!!!!!!! Adoro le frittate e questa mi stuzzica parecchio..... sarà anche il verde che amo!!!!Troppo Primaverile!!!!!Un bacio e GRAZIE

    RispondiElimina
  4. Ecco non ci avevo azzeccato! Non ho mai provato i germogli di luppolo e sono curiosissima, mi informo e mi lancio alla ricerca. Grazie ragazze, bellissima frittata. Buona domenica!

    RispondiElimina
  5. Buonissima questa frittata è un piatto che conosco benissimo. un abbraccio

    RispondiElimina
  6. grazie carissima per far parte del vostro bellissimo gruppo!
    la tua frittata sarà sicuramente gustosissima...anche se non conosco questi germogli di luppolo! ma che bello conoscere ricette nuove!
    brava e un bacione

    RispondiElimina
  7. Buonissimi...sai da noi si chiamano "vartis" e oltre che in frittata si fanno i risotti...sono molto saporiti! bacioni!

    RispondiElimina
  8. Mio papà me li ha trovati oggi :-) la faccio spesso anche io! Ottima:-) baci

    RispondiElimina
  9. Piemonte chiama Veneto .... è stupenda e gonfissima la tua versione di frittata....vedi che alla fine la cucina del nord si assomiglia???

    ps. mio papà è veneto!!

    RispondiElimina
  10. Avevo già fatto la voglia di questa frittata tempo fa vedendola in un altro blog e non sono ancora riuscita a togliermene la voglia!!! Mannaggia mi è tornato il tormento....

    RispondiElimina
  11. Ma lo sai che non la conoscevo? sembra buonissima!!! :) Buon fine settimana!

    RispondiElimina
  12. Ma questa frittata dice "mangiami mangiami"!! Deliziosa davvero! I mie complimenti è presentata anche benissimo, quanto ne vorrei avere un pò davanti ai miei occhi adesso, gnam!!
    Bravissimeeeeeeeeeeee, un bacione enorme!
    Buon fine settimana ^_^

    RispondiElimina
  13. ciao! anch'io sono veneta e non posso dire altro che approvo moltissimo la tua scelta!!

    RispondiElimina
  14. Che ricetta genuina, ma dalle mie parti non ho mai visto i germogli del luppolo, mi piacerebbe saperli riconoscere, baciii

    RispondiElimina
  15. Le erbette che nascono spontanee nelle nostre campagne sono meravigliose. Io purtroppo non sarei in grado di riconoscere un'erbaccia da un'erba buona... in questo sono proprio una frana!!!
    E' un piatto davvero molto gustoso. Complimenti!!!

    RispondiElimina

Grazie per aver visitato il nostro blog! Lasciate un commento, un suggerimento... saremo felici di conoscere le vostre impressioni!
Elisa e Laura